versione accessibile | mobile | sito precedente | contatti
seguici su  
torna all'Home Page
 Associazioni » Notizie » I pedofili non arretrano
continuano adescamenti 
Lunedì 23 Marzo 2020
LA DENUNCIA DI DON DI NOTO (METER)
I pedofili non arretrano
continuano adescamenti   versione testuale







Nonostante l’emergenza per il coronavirus, don Fortunato Di Noto, fondatore e presidente di Meter onlus e parroco, prosegue la sua lotta contro pedofilia e pedopornografia. “Stare tutti a casa – denuncia – non ha impedito ai pedofili e a chi vuole fare del male di continuare a commerciare materiale e adescare bambini; denuncia e appello – ricorda  – fatti anche dalla Polizia postale italiana: nei primi 15 giorni di marzo 47 le denunce per casi di pedofilia e adescamento”.

Don Di Noto racconta in un’intervista a pinxa.it la sua giornata in questi giorni di emergenza sanitaria: “Stiamo preparando gli esercizi spirituali che trasmetteremo on line, la mia terra di missione resta anche internet e cerchiamo di dare il nostro aiuto. Le pillole quotidiane trasmesse via web #lachiesachecè”. E poi: “Celebrazione della messa diffusa attraverso i social, preghiera, studio, contatti telefonici con parrocchiani e volontari, e una benedizione al cimitero”.

“Rispettare le regole: la regola salva la vita tua e quella degli altri”, sottolinea il presidente di Meter, che rilancia l’appello #iorestoacasa e quello alla sua comunità #distantimaincomunione.

Infine, don Di Noto invita anche le persone ricche a dare “un contributo nella lotta al virus e alle forme di povertà” per “l’acquisto di macchinari, materiale ospedaliero e quant’altro sia utile”. “Tutti insieme – conclude – possiamo cooperare e c’è anche una responsabilità sociale di chi è in grado di dare di più”.