versione accessibile | mobile | sito precedente | contatti
seguici su  
torna all'Home Page
 Notizie » Tv2000, docufilm
sugli "Angeli del mare"  
Martedì 12 Giugno 2018
MIGRANTI
Tv2000, docufilm
sugli "Angeli del mare"    versione testuale







Tv2000 lancia dieci docufilm sugli “Angeli del mare”: in ogni puntata il regista Simone Gandolfo racconta il lavoro della Guardia Costiera di Lampedusa e i soccorsi alle imbarcazioni di migranti provenienti dall’Africa. La serie è stata realizzata in collaborazione con la Guardia Costiera, la Croce Rossa, Medici senza frontiere, la Ong Open Arms e ha il patrocinio del Dicastero vaticano per il Servizio dello sviluppo umano integrale - sezione Migranti e Rifugiati, di Unhcr e Save the Children. La prima puntata è andata in onda l’11 giugno. Dal 18 giugno, dal lunedì al venerdì, la serie proseguirà alle 20.45.

“Gli ‘Angeli del mare’ – si legge in una nota – sono donne e uomini della Guardia Costiera addestrati a intervenire in situazioni limite, in cui anche una piccola distrazione può essere fatale. Salvare la vita dei naufraghi non è infatti solo questione di tecnica, ma di cuore e di coraggio. La serie, realizzata nella base della Guardia Costiera di Lampedusa, racconta le vicende umane e professionali di tutti gli eroi di frontiera che attraverso il loro lavoro e il loro servizio salvano bambini, donne e uomini spinti in mare dall’emergenza migratoria che dal Nord-Africa si sposta verso l’Europa”.

“La cosa più bella di ogni puntata – afferma Paolo Ruffini, direttore di Tv2000 – è l’incontro ravvicinato che permette” ad ognuno di noi di entrare in contatto “con le storie di chi, come ha detto Papa Francesco incontrando una delegazione della Guardia Costiera, rischia ogni giorno la vita per salvare quella degli altri e poi deve mettere la propria faccia di fronte a una società che non lo capisce. È difficile, effettivamente, capire. Ma essere stati per tanto tempo accanto a loro permette di discernere meglio i problemi, i rischi, le criticità, i dubbi, le scelte che ognuno di noi è chiamato a fare. ‘Angeli del mare’ – sottolinea Ruffini – porta ognuno di noi in prima linea, ci fa incontrare occhi negli occhi i naufraghi, cerca di seguire anche le loro storie (i loro drammi, i loro sogni) e di farle incontrare con le nostre vite”.