versione accessibile | mobile | sito precedente | contatti
seguici su  
torna all'Home Page
 Notizie » A Caponnetto e Zanotti
il Sentinella del Creato  
Lunedì 9 Settembre 2019
PREMIO GIORNALISTICO
A Caponnetto e Zanotti
il Sentinella del Creato   versione testuale







Nell’ambito del XIV Forum dell’informazione cattolica per la custodia del Creato, promosso da Greenaccord dal 6 all’8 settembre a Cefalù (Palermo), è stato assegnato il Premio giornalistico “Sentinella del Creato” a tre giornalisti – scelti da Greenaccord, Ucsi e Fisc – e ad alcuni personaggi del mondo dell’arte, della cultura e del lavoro che “si sono distinti per la loro sensibilità ambientale”.
 
Angela Caponnetto, di Rainews24 (nella foto), premiata “per essersi distinta con un giornalismo di qualità, coraggioso e per aver approfondito l’incisività delle cause ambientali nei movimenti migratori”. Francesco Zanotti, direttore del “Corriere Cesenate”, perché ha saputo avvicinarsi “ai temi della cura del Creato con interesse e prudenza”. Giuseppe Milano, giornalista e ingegnere, “per aver efficacemente unito l’attività giornalistica all’attività di ricerca presso l’Ispra”.

A ricevere il riconoscimento anche l’artista Max Paiella (“artista volitivo e poliedrico: una graffiante ironia che sprona all’analisi concreta dei fatti di attualità e stimola il pensiero critico, contribuendo efficacemente a educare la società a stili di vita consapevoli e sostenibili; a dimostrazione che il linguaggio artistico è un ottimo sostenitore dell’informazione di qualità”). Tra le eccellenze locali, Premio “Sentinella del Creato” all’Associazione Madonie Outdoor (“che da sempre si occupa della valorizzazione del territorio madonita e in questi anni ha promosso le bellezze naturalistiche del territorio siciliano”), alla Cooperativa sociale Verbumcaudo (“che promuove e preserva le eccellenze del territorio con una forte vocazione cerealicola in un bene confiscato alla mafia), all’Azienda Terre di Carusi (“Carusi” – in siciliano vuol dire ragazzi – “racconta il coraggio di quattro ragazzi che hanno costruito il proprio futuro ripartendo dalla loro terra per riscoprire le risorse agricole che da sempre hanno contraddistinto il territorio madonita”) e al Consorzio Manna Madonita (“un consorzio che può contare su un team di giovani professionisti attivi in vari campi strategici per il funzionamento aziendale. La ‘manna’ è il prodotto ottenuto dalla solidificazione della linfa che fuoriesce, in estate, dalle incisioni praticate sul fusto e sulle branche principali di alcune specie del genere Fraxinus L.”).