versione accessibile | mobile | sito precedente | contatti
seguici su  
torna all'Home Page
 Notizie » Corrado: in Italia non è mai esistita
la censura cinematografica cattolica  
Giovedì 8 Aprile 2021
IL DIRETTORE DELL'UCS CEI FA CHIAREZZA SUL DECRETO DEL MINISTRO FRANCESCHINI
Corrado: in Italia non è mai esistita
la censura cinematografica cattolica    versione testuale







“L’abolizione della censura cinematografica consente una riflessione sul ruolo della Commissione nazionale valutazione film (Cnvf) della Cei, per anni ritenuta, erroneamente, organismo censorio. Il decreto firmato dal Ministro della cultura, Dario Franceschini, che istituisce la Commissione per la classificazione delle opere cinematografiche, permette di fare chiarezza. In Italia – sottolinea nella newsletter settimanale Vincenzo Corrado, direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali della Conferenza episcopale italiana – non è mai esistita la censura cinematografica cattolica”.

“Il lavoro del Centro Cattolico Cinematografico e delle sue Valutazioni morali, nato all’indomani dalla promulgazione dell’enciclica Vigilanti Cura da parte di Pio XI e da decenni confluito nella Cnvf – spiega Corrado –, si muove in una prospettiva educativa come servizio positivo reso alle famiglie e alle comunità cristiane, da sempre in dialogo con il mondo della cultura e della cinematografia. Un percorso lungo 70 anni e ora proiettato verso il futuro, sempre nell’orizzonte del servizio”, precisa concludendo il direttore.

Nella foto si vede il pubblico in sala, ma è un'immagine che si riferisce al periodo precedente la diffusione del Covid-19