versione accessibile | mobile | sito precedente | contatti
seguici su  
torna all'Home Page
 Notizie » Segnalazioni 
Segnalazioni   versione testuale






I Big Tech al Congresso, com’è andata: il numero di domande per ciascuno, le risposte, gli sfondi I Big Tech al Congresso, com’è
andata: il numero di domande
per ciascuno, le risposte, gli sfondi

di Michela Rovelli

È durata cinque ore e mezza la testimonianza al Congresso di Washington delle quattro personalità più importanti del mondo della tecnologia: insieme i loro affari valgono circa 5mila miliardi di dollari. Tim Cook (Ceo di Apple), Mark Zuckerberg (Ceo di Facebook), Jeff Bezos (Ceo di Amazon) e Sundar Pichai (Ceo di Google Alphabet) sono stati richiamati davanti a una sotto-commissione della magistratura della Camera focalizzata sull’Antitrust e, collegati da remoto, sono stati letteralmente bersagliati da domande a raffica sui comportamenti monopolisti dei colossi che rispettivamente guidano. I commissari stanno studiando i diversi casi sin dal giugno 2019: un anno di preparazione in cui sono stati raccolti 1,3 milioni di documenti e che si è tradotto in un aggressivo attacco e in domande dirette riguardo ai punti più oscuri del business delle più importanti multinazionali del mondo hitech

Turchia, passa la legge anti social media. Amnesty: Turchia, passa la legge anti
social media. Amnesty:
"È censura"

di Marco Ansaldo

Il pugno di Erdogan (nell'immagine) si abbatte sui social. Già giornali e televisioni, sia locali che esteri, negli ultimi anni sono passati abbondantemente sotto le maglie strette imposte da Ankara. Adesso è la volta delle varie piattaforme online. Da sempre il presidente turco non ama i social, e ora tocca a loro fare i conti con le nuove norme appena approvate. Che poi si tratti di giganti come Facebook, Twitter, YouTube e Instagram, poco importa alla Turchia di oggi, molto attenta nel veicolare informazioni e messaggi che non si discostino dalla narrativa ufficiale

RaiNews, Andrea Vianello nuovo direttore RaiNews, Andrea Vianello
nuovo direttore

Corriere della Sera

Via libera del consiglio di amministrazione della Rai alla nomina di Andrea Vianello (nella foto) alla guida di RaiNews. La proposta, secondo quanto si apprende, è stata approvata all’unanimità dal consiglio. L’ex direttore di Rai3 prende il posto di Antonio Di Bella, che tornerà a ricoprire il ruolo di corrispondente dagli Stati Uniti, anche per seguire le prossime elezioni presidenziali

Garante Privacy, Stanzione nuovo presidente Garante Privacy, Stanzione
nuovo presidente

di Arturo Di Corinto

E' Pasquale Stanzione (nella foto) il nuovo presidente dell'Autorità garante per la protezione dei dati personali. Stanzione è stato eletto all’unanimità dopo lo scrutinio che il 14 luglio lo ha eletto membro della nuova commissione del collegio per la privacy

Laurea: se la prendi all’università telematica è più facile e vale uguale Laurea: se la prendi all’università
telematica è più facile e vale uguale

di Milena Gabanelli e Adele Grossi

«Tutti possono essere come Cristiano Ronaldo». La promessa in questione campeggia sul sito dell’Università Telematica E-Campus, appartenente all’omonima Fondazione presieduta dall’imprenditore Francesco Polidori, alias Mr. Cepu. Ronaldo è un calciatore, mentre alla E-Campus ti prepari per diventare avvocato, professore, psicologo, dirigente d’azienda e tante altre cose che nulla hanno a che fare col calcio, ma evidentemente per gli ideatori dello spot il nesso era chiaro. «Preparati al successo», aggiunge il video promozionale che è più o meno quello che ti dicono quando vai a iscriverti. «Vuoi una laurea magistrale in Giurisprudenza? Non dovrai in alcun modo modificare le tue abitudini di vita – ci spiegano –. Puoi lavorare, uscire con gli amici. Noi ci inseriremo nel tempo che rimane». E ovviamente, se ne rimane poco, amen. Sarà che il materiale di studio, anche per un corso poderoso come Giurisprudenza, sarà reso molto più leggero dal tutor che ci verrà assegnato, il quale in pratica ci fornirà dei riassunti

Venezia 77: una Mostra resiliente e di qualità Venezia 77: una Mostra
resiliente e di qualità

di Massimo Giraldi e Sergio Perugini

Sarà il primo evento cinematografico internazionale al tempo del Covid-19. Dal 2 al 12 settembre è stata confermata infatti al Lido la 77esima Mostra del Cinema della Biennale di Venezia, sotto la presidenza di Roberto Cicutto (da poco nominato al posto di Paolo Baratta) e la direzione artistica di Alberto Barbera. Non sarà però un Festival autarchico, è stato chiarito in conferenza stampa: ci sarà sì tanta Italia, ma anche una nutrita presenza internazionale. Un cartellone composto da ben 62 film e 15 cortometraggi, 18 nella sezione concorso, dove figurano 4 italiani e 8 donne registe. Confermate poi le sezioni Orizzonti, Venice Virtual Reality e il mercato Venice Production Bridge. Venezia Classici, dedicata al cinema restaurato, si terrà invece in sinergia con il Cinema ritrovato della Cineteca di Bologna

Siria, sette anni fa il rapimento di padre Dall'Oglio: 29 luglio conferenza stampa in Fnsi Siria, sette anni fa il rapimento
di padre Dall'Oglio: 29 luglio
conferenza stampa in Fnsi

Federazione nazionale stampa italiana

A sette anni dal sequestro a Raqqa di padre Paolo Dall'Oglio (nella foto), mercoledì 29 luglio 2020, alle 11, la sede della Fnsi ospita una conferenza stampa per ricordare la sua opera e i lati ancora oscuri del suo sequestro. Intervengono con la sorella di padre Paolo, Francesca Dall'Oglio, accompagnata dal suo legale, il prefetto per le Comunicazioni della Santa Sede, Paolo Ruffini; il presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, in collegamento; il presidente della Fondazione Ratzinger, padre Federico Lombardi; il direttore dell'Osservatore Romano, Andrea Monda; il presidente del Centro Astalli, padre Camillo Ripamonti; il presidente e il segretario generale della Federazione nazionale della Stampa italiana, Giuseppe Giulietti e Raffaele Lorusso; la portavoce di Articolo21, Elisa Marincola. Coordina il fondatore dell'associazione Giornalisti amici di padre Dall'Oglio, Riccardo Cristiano

Film. Film. "Quarantenalive", il lockdown
raccontato in tempo reale

d Mimmo Muolo

La quarantena vista da una prospettiva particolare. Quella di due sposi novelli che hanno la sfortuna di celebrare il loro matrimonio alla vigilia del lockdown e che si vedono costretti a rinunciare al viaggio di nozze a causa del decreto di chiusura totale emesso dal governo Conte l’8marzo scorso. E’ lo spunto iniziale di “Quarantenalive”, il film scritto e diretto da Giuseppe Aquino, prodotto da Caravan Films Rome e interamente girato durante la quarantena, con la regia e tutte le operazioni del cinema classico effettuate a distanza, secondo un metodo messo a punto dallo stesso regista per un suo precedente film dedicato a san Pietro Chanel

I dipendenti di Google in smart working fino all'estate 2021 I dipendenti di Google in smart
working fino all'estate 2021

La Stampa

Google ha chiesto ai propri dipendenti di continuare a lavorare da casa fino a luglio 2021. Lo rivela il Wall Street Journal che cita fonti interne all'azienda secondo le quali Mountain View oggi annuncerà ai circa 200 mila dipendenti l'intenzione di prorogare il regime di telelavoro. Il Wall Street Journal riferisce che l'amministratore delegato di Google, Sundar Pichai, avrebbe deciso di rimandare il rientro in ufficio dopo un lungo confronto interno tra i manager della multinazionale. A motivare la decisione di Pichai, spiega il quotidiano finanziario americano, sarebbe stata soprattutto la volontà di venire incontro alle esigenze dei dipendenti con figli che potrebbero dover affrontare un anno scolastico con lezioni da remoto

Cmpf: Cmpf: "Nessuno Stato membro Ue
è scevro da minacce a libertà
e pluralismo dei media"

Agensir

C’è “stagnazione o deterioramento in termini di rischi per il pluralismo dei media in tutti i 27 Stati membri dell’Ue, Regno Unito, Albania e Turchia”. Questo emerge da uno studio indipendente del Centro per il pluralismo e la libertà dei media (Cmpf), rilanciato oggi dalla Commissione europea

 [avanti >>]