Copercom - Associazioni
De Luca (Ucsi): aiutiamo
a costruire comunità

“In questo momento più che mai ci sembra che ciascuno debba fare il proprio dovere al meglio là dove si trova, con il preciso intento di costruire, consolidare, rinforzare reti di dialogo, di ascolto, di solidarietà e di speranza, scrollandosi del superfluo e del marginale e puntando su ciò che è più essenziale. Da giornalisti – scrive in una nota Vania De Luca, presidente dell’Unione cattolica stampa italiana – sentiamo più che mai necessario il linguaggio della comprensione, della mediazione e della distinzione. Aiutare a comprendere ciò che accade e i motivi per cui accade, mediare tra le diverse posizioni, ma anche aiutare a distinguere ciò che è vero da ciò che è falso, ciò che è bene da ciò che male, le scelte umane da quelle disumane: ‘oggi c’è una mescolanza che non si distingue, e voi dovete aiutare in questo’, ci ha detto papa Francesco all’udienza Ucsi del settembre 2019”.   Da più parti, prosegue De Luca, si rinnova l’invito ad “essere ‘costruttori’. L’Ucsi nel suo piccolo lo ha sempre fatto, senza clamore e senza rumore: costruttori di ponti, costruttori di relazioni, costruttori di cammini orientati al bene comune e mai ad interessi di parte, enzima di coesione sociale. Anche per gli organismi di categoria, a partire dall’Ordine, che si avvia a importanti appuntamenti o scadenze, rinnoviamo la disponibilità ad offrire il nostro contributo per aiutare a costruire comunità, soprattutto sul terreno che ci è più proprio, che è quello della formazione”.   “All’ultimo Consiglio Nazionale Ucsi – aggiunge la presidente – abbiamo proposto come road map per questo difficile 2021, tempo di prova, un paio di incontri per ogni regione, uno sul tema lavoro-ambiente-futuro, in preparazione alla Settimana sociale dei cattolici del prossimo ottobre, l’altro sui temi della professione prendendo spunto dal volume Pandemie mediali edito da Aracne in collaborazione con Ucsi”. Ancora una volta “siamo grati al Presidente Mattarella al quale abbiamo fatto pervenire il libro, e che ci ha risposto con un biglietto scritto di suo pugno in cui ringrazia per ‘il bel volume, di grande interesse, sugli effetti della pandemia nell’informazione”.   “Dei nostri incontri sul territorio qualcuno c’è già stato, insieme agli Ordini regionali e con il riconoscimento di crediti formativi, qualche altro è sulla piattaforma Sigef, qualche altro ancora è in preparazione. I positivi riscontri che stiamo registrando ci incoraggiano a proseguire su questo percorso. Non sappiamo – osserva De Luca – quale futuro ci aspetta e non tutto è nelle nostre possibilità, ma quello che possiamo è radicato in quello che speriamo, e in questo momento, in qualche modo, lo dobbiamo. Con lo stupore di vederlo a volte moltiplicato, al di là delle nostre stesse aspettative”.   La presidente conclude ricordando il gesuita tedesco Alfred Delp, protagonista della Resistenza contro i nazisti, che “vedeva dinanzi a sé una stagione di speranza che si apriva dopo essere stati scossi nel profondo. Pagò con la vita il prezzo della libertà, ma il suo messaggio è valido ancora oggi”.    


Ultimo aggiornamento di questa pagina: 19-GEN-21
 

copercom - Copyright @2005 - Strumenti Software a cura di Seed