Copercom - Associazioni
L‘iniziativa Acec "Fedi
in gioco a scuola"

Prosegue la seconda edizione dell’iniziativa “Fedi in gioco a scuola”, rassegna cinematografica sul dialogo interreligioso promossa dall’Acec – vincitrice del bando Miur e Mibact “Cinema per la Scuola” – per “educare gli studenti, attraverso il cinema, all’incontro e al confronto tra fedi diverse”. Attraverso la visione di film e corti, spiega una nota, si può “riflettere sull’assurdità di pregiudizi, razzismi, discriminazioni e lavorare sui concetti di pace, solidarietà, responsabilità e non violenza, valori base della cittadinanza inclusiva. Perché, come affermato da Papa Francesco nel documento ‘Sulla fratellanza umana’, le religioni possono essere una ‘necessaria fonte di ispirazione’ per promuovere l’autentica ‘cultura dell’incontro’”. A realizzare il progetto dell’Associazione cattolica esercenti cinema circa 30 Sale della Comunità su tutto il territorio nazionale, che coinvolgeranno 370 classi (e circa 10mila studenti di ogni ordine e grado) con un programma gratuito di documentari e cortometraggi di livello internazionale (scelti in collaborazione con Religion Today Filmfestival). Per via della pandemia e la conseguente chiusura delle sale cinematografiche, le Sale Acec stanno organizzando proiezioni online per le scuole, grazie alla partnership tecnica di Mymovies. La visione è accompagnata da una scheda didattica di approfondimento, redatta da esperti di media education, e – per i cortometraggi – anche da un video di commento al film, che può essere di supporto nella discussione in classe, dopo la visione. Completano l’offerta formativa, pensata sia per gli studenti che per gli insegnati, vari webinar con la partecipazione di rappresentanti di diverse religioni, critici cinematografici, accademici, autori, attori e registi. Con “la seconda edizione di ‘Fedi in gioco a scuola’ – afferma Francesco Giraldo, segretario generale Acec – l’Associazione intende stimolare la coscienza critica delle persone verso la cultura dell’incontro e della pace. Per favorire un’idea di dialogo interreligioso è importante comprendere il contesto odierno, intessuto da complessità, dal pluralismo culturale e dal ‘politeismo dei valori’”. Fra i titoli proposti, i cortometraggi vincitori del premio MigrArti: Il mondiale in piazza di Vito Palmeri, Indovina chi ti porto per cena di Amin Nour, Palla prigioniera di Hermes Mangialardo; i corti internazionali Ave Maria di Basil Khalil (Francia, Germania, Palestina, 2015) e Gas Pipe di Hossein Darabi (Iran, 2016); infine i documentari Paese nostro di Michele Aiello, Matteo Calore, Stefano Collizzolli, Andrea Segre, Sara Zavarise, Sorelle d’Italia di Daniele Gaglianone e Stefano Collizzolli, Il Sistema Sanità di Andrea De Rosa e Mario Pistolese, African Dreamers del collettivo Hic Sunt Leones e Nel bene e nel male di Lorenzo Stanzani. L’iniziativa proseguirà fino al 31 maggio 2021. Informazioni dettagliate sul sito Acec, nella pagina dedicata al progetto: https://www.saledellacomunita.it/fedi-in-gioco-a-scuola-2/  


Ultimo aggiornamento di questa pagina: 23-FEB-21
 

copercom - Copyright @2005 - Strumenti Software a cura di Seed