Copercom - Notizie
#StopAntiSemitism, Bassetti: "Tenere viva
la memoria per aiutare i giovani"

“Oggi ci sono spinte negative che vorrebbero distorcere quelle che sono state le tristi vicende della storia. Qualcuno vorrebbe negare l’Olocausto. Qualcuno vorrebbe delegittimare addirittura l’esistenza di Israele. Contro questi atteggiamenti che vanno contro la Nazione e l’intera umanità, il messaggio della Chiesa è estremamente chiaro”. Così il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana (nella foto), nel messaggio diffuso per la campagna mediatica #StopAntiSemitism promossa nell’ambito del 55° anniversario della Dichiarazione Nostra Aetate.   La raccolta di messaggi e video-messaggi ha preso il via lo scorso 27 gennaio, Giornata della Memoria, e proseguirà fino all’8 aprile.   “Noi – sottolinea Bassetti – sappiamo che l’antisemitismo e le leggi razziste che sorsero prima della seconda guerra sono state una delle realtà più aberranti che possiamo considerare: decidere che un popolo non doveva esistere, decidere che la vita di un ebreo non esisteva, che fosse solo un numero, decidere che tutto un popolo andasse abolito. Veramente è necessario fare memoria soprattutto nei giovani. La memoria ha la funzione purificatrice e liberatrice. Tu vivi la grandezza di un orrore perché questo da nessuno sia più commesso. Nei confronti dell’Olocausto e di altre atrocità contro i popoli – conclude il cardinale – dobbiamo tenere viva la memoria perché questo è il modo migliore per poter aiutare i nostri giovani”.  


Ultimo aggiornamento di questa pagina: 02-MAR-21
 

copercom - Copyright @2005 - Strumenti Software a cura di Seed